Menu

Sito a cura di

Andrea Costantini

Mi presento

Giovedì fresco e piovoso, da venerdì miglioramento e aumento termico

Pubblicato il 8 Giugno 2022

Situazione: un flusso fresco e vivace di origine atlantica porta alcune piccole ondulazioni in quota che favoriscono la genesi di fasi di instabilità, con culminazione nel corso di giovedì. Da venerdì la progressiva rotazione delle correnti a nord-ovest con l’aumento della pressione in quota favoriranno il ripristino di condizioni molto soleggiate, con aria inizialmente assai secca e un pò fresca, prima di un netto aumento delle temperature specie in quota da domenica (zero termico oltre i 4000m).

Giovedì 9 (attendibilità 90%): tempo instabile o a tratti perturbato con frequenti precipitazioni dalla notte ed in mattinata quando rovesci e temporali saranno diffusi ed a tratti intensi, con quota neve in calo a 2600m sulle Dolomiti. Dal pomeriggio tendenza a graduale miglioramento con afflusso di aria via via più secca e cessazione dei fenomeni entro sera con ampie schiarite e deciso calo termico.

Venerdì 10 (90%): splendida giornata di sole con modesti cumuli pomeridiani che non saranno associati a fenomeni, con l’esclusione di qualche isolato e modesto rovescio pomeridiano (probabilità inferiore al 20%). Aria secca ed ottima visibilità con correnti da nord-ovest e condizioni termo-igrometriche ottimali (fresco al mattino e caldo moderato ma asciutto al pomeriggio).

Sabato 11 (90%): altra ottima giornata di estate con temperature nella media, sebbene tenderanno ad alzarsi in quota per l’arrivo di aria più calda e per il rafforzamento dell’alta pressione da ovest. Ventilazione ancora settentrionale in attenuazione.

Domenica 12 (80%): il campo di alta pressione mediterranea andrà ulteriormente espandendosi verso le Alpi, garantendo condizioni meteo stabili con qualche modesto cumulo pomeridiano sulle Dolomiti e probabilità molto bassa per brevi acquazzoni. Temperature in ulteriore aumento.

 

Tendenza

Ad inizio settimana il promontorio anticiclonico sarà alimentato da aria sub-tropicale, con avvio di una nuova fase di caldo ben sopra la media; torneranno massime tra 32 e 34°C in pianura con aumento graduale dell’umidità fino a condizioni di afa. In questo contesto avremo tempo in genere stabile in pianura mentre i temporali di calore sulle Dolomiti si faranno più frequenti e localmente intensi a causa dell’aumento dei parametri termo-igrometrici della massa d’aria. L’evoluzione successiva non è ad oggi prevedibile ma sembra essere prevalente l’influsso dell’alta pressione mediterranea con condizioni di caldo costante e poche e sporadiche occasioni per precipitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.