Menu

Sito a cura di

Andrea Costantini

Mi presento

Cambia il tempo: in arrivo il primo episodio di stampo invernale

Pubblicato il 24 Novembre 2021

Situazione: dopo molte settimane di stabilità e scarse precipitazioni con profilo termico quasi costantemente sopra la media storica, aria di estrazione nord-Atlantica inizierà a fluire verso il centro-ovest Europa, attivando dapprima umide e miti correnti da libeccio e successivamente interessando direttamente le nostre regioni nel fine settimana, quando l’ingresso di masse d’aria fredda in quota favoriranno un calo della quota neve con le prime nevicate stagionali anche sotto i 1000m. L’evoluzione precisa andrà controllata con i prossimi aggiornamenti a cura di Arpa Veneto, stante l’alta dinamicità dell’atmosfera.

Giovedì 25 (attendibilità 90%): moderato maltempo specie nel pomeriggio-sera, con il transito di una perturbazione atlantica accompagnata da aria ancora mite (quota neve sui 1600-1800m sulle Prealpi e 1200-1400m sulle Dolomiti).

Venerdì 26 (90%): temporanea fase più asciutta seppur in presenza di frequente nuvolosità che, tranne poche schiarite specie in quota, sarà ben diffusa e tenderà a intensificarsi dalla serata sui settori montuosi. Le precipitazioni saranno poco probabili o del tutto assenti, limitate ad eventuali brevi piogge.

Sabato 27 (70%): molte nubi fin dal mattino con correnti da sud-ovest in rinforzo e prime sporadiche precipitazioni, nevose oltre i 1100-1300m. Nel pomeriggio l’avvicinamento di un fronte freddo nord-atlantico e l’approfondimento della saccatura artica in quota favoriranno l’intensificazione e la diffusione dei fenomeni a tutto il territorio, con quota neve in progressivo calo già sotto gli 800m sulle Dolomiti e in tarda serata/notte sotto i 1000m anche sulle Prealpi.

Domenica 28 (60%): maltempo con condizioni invernali a tutte le quote stante l’afflusso di aria fredda e umida, associata a precipitazioni in genere moderate, nevose fino a 500-700m sulle Dolomiti e 800-900m sulle Prealpi. Ad oggi non è possibile stabilire la reale intensità e durata dei fenomeni, è necessario seguire gli aggiornamenti.

Tendenza
La profonda ondulazione artica, responsabile del maltempo invernale del fine settimana, tenderà ad allontanarsi verso est e sarà seguita da un miglioramento del tempo grazie al rialzo della pressione ed alla rotazione delle correnti a nord. In quota affluirà aria ancora fredda tra lunedì e martedì, con successivo rialzo termico. Nei bassi strati tenderà invece a formarsi l’inversione termica che sarà particolarmente sentita sugli altopiani prealpini grazie alla probabile presenza di uno strato di neve fresca al suolo. Che l’inverno abbia inizio!

 

Previsione emessa alle ore 21 di mercoledì 24 novembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.