Menu

Sito a cura di

Andrea Costantini

Mi presento

Una webcam al Rif. Semenza (CAI – 2.020m): al via il nuovo progetto!

Pubblicato il 1 Giugno 2022

Ebbene si, non riusciamo proprio a “stare fermi”; dopo il completamento di tutte le installazioni previste dal Progetto sperimentale di monitoraggio meteorologico nella Foresta Regionale del Cansiglio tra fine 2021 e inizio anno (con l’attivazione della stazione meteo di Tambre – Fraz. Frassenei a cui seguirà la pubblicazione della webcam nei prossimi mesi, si vedano gli articoli alla sezione http://meteoravanel.it/category/progetto-cansiglio/), è in cantiere per il 2022 una sfida tecnica decisamente impegnativa.

Come noto, grazie alla generosa disponibilità ed al supporto logistico del CAI di Vittorio Veneto, nel giugno 2021 abbiamo installato ed attivato la stazione professionale LoRaWAN Decentlab che è inserita nella rete di monitoraggio ed ha mostrato le “potenzialità” del sito di misura specie in situazioni di marcata inversione termica (come spesso accaduto ad esempio lo scorso inverno, quando a valori anche sotto i -20°C nella Piana si contrapponevano temperature ben sopra lo zero anche nel cuore della notte al Rif. Semenza); ora, dopo alcuni mesi di ragionamenti e valutazioni tecniche, con il sinergico contributo dell’esperienza pratica e delle diverse competenze di Mauro, Matteo, Tobia ed Andrea, è stato approntato un progetto che prevede l’installazione e la messa in funzione di una webcam panoramica ad alta risoluzione (Hikvision Acusense 4K, similare a quelle installate a Le Rotte e Valmenera, ottimizzate per le riprese notturne), alimentata da un kit fotovoltaico opportunamente dimensionato, con caricabatterie MPPT e dotata di sistema di trasmissione remota 4G (grazie ad una SIM dati). Il sistema sarà ulteriormente potenziato dal punto di vista tecnologico grazie alle funzionalità offerte dal protocollo LoRaWAN che, analogamente alla trasmissione dei dati meteo, permetterà di acquisire in remoto i parametri “vitali” dell’impianto (quali, ad esempio, tensione di batteria e pannello, stato della carica, eventuali segnalazioni di allarme).

I materiali grezzi sono arrivati e verranno successivamente lavorati, assemblati e opportunamente testati nei prossimi mesi; l’installazione al Rif. Semenza è prevista per la seconda parte dell’estate (agosto), al fine di disporre di un sufficiente periodo per correggere gli inevitabili errori ed apporre i necessari miglioramenti prima di lasciare il sistema operativo in vista della stagione invernale che costituirà il vero banco di prova.

Le prime attività a banco sono iniziate qualche sera fa…

A differenza delle webcam panoramiche già installate, e permanentemente collegate ad una rete internet esistente con relativa alimentazione da rete 220Vac che vengono gentilmente offerte dai gestori dei vari punti di monitoraggio, in questa configurazione ci troveremo di fronte ad una sfida tecnica decisamente più impegnativa, che al tempo stesso ci stimola a ragionare sui possibili scenari e sulle situazioni di potenziale difficoltà a cui la strumentazione può andare incontro una volta installata (venti forti, neve abbondante, fulminazioni, scarsità di irraggiamento e ricarica della batteria e tanti altri). Proprio per cercare di ottimizzare i processi elettronici e di monitoraggio (considerando l’impossibilità di raggiungere il Rif. Semenza almeno per 6-8 mesi l’anno per manutenzione e ripristini), Mauro ha progettato e sviluppato una scheda specifica che implementa tutti i comandi di gestione dei vari apparati, incluso il modulo LoRaWAN che permetterà di inviare comandi customizzati in downlink. Per l’acquisizione dei dati sarà impiegata l’infrastruttura low-power wide-area network di The Things Network (TTN) che permette, a titolo gratuito per scopi didattici e senza finalità di lucro, di utilizzare il protocollo MQTT per archiviare i dati in un time series database (InfluxDB), analogamente a quanto avverrà in futuro per tutte le stazioni meteo già operative e che, infine, permetterà di avere un archivio organico e strutturato. Obiettivo 2023? Forse, ci vorrà del tempo ma ce la faremo! 🙂

Desideriamo ringraziare nuovamente il CAI – Sez. di Vittorio Veneto per la disponibilità ad ospitare questa nuova installazione che permetterà, come ci auspichiamo, di disporre di un’immagine ogni 5 o 10 minuti che spazierà dal Rifugio verso sud-ovest in direzione della Piana del Cansiglio e della pianura veneta. Tale punto di osservazione favorirà anche un miglioramento delle conoscenze sul fenomeno dell’inversione termica del Cansiglio, inquadrando dall’alto l’intero bacino e mostrandone le evoluzioni in relazione alle condizioni meteo locali. Inoltre ringraziamo di cuore Luigi Carbonera di SacileMeteo (http://sacilemeteo.altervista.org/) per i preziosissimi consigli pratici (vista la robusta esperienza in installazioni similari quale ad esempio Malga Col dei S’cios http://sacilemeteo.it/scios/webcam.html), la disponibilità ad aiutarci nell’installazione al Rif. Semenza e soprattutto per aver donato il pannello fotovoltaico realizzando anche i relativi supporti a palo.

Infine, ricordiamo che tutto questo è realizzato a titolo di passione e volontariato, con auto-finanziamento e fondi propri; la stima complessiva del costo vivo dei materiali si aggira sui 700€ e vi sarà anche il costo annuale della SIM dati (circa 7€/mese). Chiunque fosse interessato a contribuire lo può fare mediante il link Paypal https://www.paypal.com/paypalme/progettocansiglio o contattando direttamente Andrea Costantini.

Vi terremo aggiornati con l’evoluzione dei test e della successiva installazione al Rif. Semenza, non vediamo l’ora di godere della superba vista che da lassù sarà possibile osservare, tra bufere di neve, temporali, sole splendente e tanto altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.