Menu

Sito a cura di

Andrea Costantini

Mi presento

Flussi umidi occidentali con instabilità in aumento da venerdì

Pubblicato il 27 Luglio 2021

Situazione: una vasta depressione atlantica pilota correnti mediamente sud-occidentali verso il centro Europa, sfiorando le regioni alpine e apportando aria piuttosto calda d’estrazione sub-tropicale, senza tuttavia realizzare condizioni di caldo intenso. Nel fine settimana la circolazione depressionaria si abbasserà di latitudine interessando più direttamente anche il nord Italia, con il probabile transito di un fronte freddo tra sabato e domenica, accompagnato da fenomeni anche intensi e seguito da un calo termico a tutte le quote.

Giovedì 29 (attendibilità 90%): giornata calda e soleggiata, con qualche temporale pomeridiano e serale sulle Dolomiti mentre più a sud il tempo resterà stabile. In pianura massime tra 32 e 34°C

Venerdì 30 (90%): il rinforzo delle correnti sud-occidentali e l’incremento dell’instabilità atmosferica produrranno un aumento delle nubi cumuliformi sulle Dolomiti, dove si svilupperanno rovesci e temporali anche di forte intensità dal primo pomeriggio, con proseguimento anche in serata. Su prealpi e pianura prevarranno ancora condizioni di bel tempo, seppur con nuvolosità irregolare in formazione ma con bassa o nulla probabilità di precipitazioni. Temperature ancora piuttosto elevate con alto disagio per condizioni di afa.

Sabato 31 (80%): dopo i fenomeni notturni in montagna, temporanea fase di schiarite al mattino con successivo nuovo aumento delle nubi e formazione di rovesci e temporali, via via più diffusi e in estensione entro la sera-notte a tutto il territorio. L’ingresso di aria fredda in quota e la forte dinamicità dell’atmosfera, anche legata alle condizioni caldo-umide preesistenti, favoriranno potenziali fenomeni intensi, accompagnati da grandinate e forti raffiche di vento nei temporali, con precipitazioni abbondanti. Seguire gli aggiornamenti di Arpa Veneto nei prossimi giorni.

Domenica 1 (70%): dopo una notte di diffuso maltempo (con spruzzate di neve sulle Dolomiti oltre i 2900-3000m), in mattinata si verificheranno ancora fenomeni che lasceranno il posto entro metà giornata ad un graduale miglioramento a partire dalle Dolomiti in estensione alle Prealpi entro sera. Temperature in deciso calo rispetto ai giorni precedenti con cessazione del caldo a tutte le quote e clima fresco

Tendenza
La circolazione fresca ed instabile sembra influenzare il tempo anche ad inizio settimana, proponendo un vivace flusso oceanico che favorirà condizioni termo-igrometriche ottimali (qualche grado sotto la media) e moderata instabilità diurna associata a qualche rovescio o temporale nel pomeriggio-sera. Al centro-sud Italia si avranno invece condizioni di caldo intenso legato all’espansione dell’anticiclone sub-tropicale.

Curiosità della settimana
L’aria atmosferica contiene sempre una certa percentuale di vapore acqueo (acqua allo stato di gas); la quantità massima di vapore acqueo che può essere contenuta in un metro cubo di aria dipende dalla temperatura. L’aumento della temperatura causato dal riscaldamento globale antropico favorisce una maggior disponibilità di vapore acqueo nell’aria, elemento che accresce a sua volta la possibilità di fenomeni intensi legati alle precipitazioni (a titolo di esempio, a 30°C il massimo contenuto di vapore acqueo a metro cubo è 31,64g che diventano ben 41,83g se la temperatura è di 35°C: differenze apparentemente minime ed insignificanti che tuttavia, dal punto di vista termodinamico ed applicandole a miliardi di metri cubi d’aria, fanno la differenza e sottendono alla formazione di fenomeni sempre più energici).

Previsione emessa alle ore 19 di mercoledì 28 luglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.